Fa, Fa' o Fà, come si scrive? Accento o apostrofo?

Torniamo oggi a trattare uno dei dubbi grammaticali più frequenti nella lingua italiana. Un errore commesso da molte persone, non solo da coloro che non hanno studiato.

Chi mai l'ha imparato, chi invece l'ha dimenticato, come possiamo risolvere per non fare brutte figure quando scriviamo Fa, Fa' oppure Fà? Dobbiamo mettere l'accento? L'apostrofo? O non serve aggiungere altro?

Prima di tutto cerchiamo di capire il significato di questa sillaba. A seconda del discorso, della frase che vogliamo scrivere, potrebbe descrivere situazioni diverse tra loro.

Uno degli usi più comuni è quello legato al verbo "Fare". Un altro, anch'esso particolarmente diffuso, riguarda il tempo trascorso, passato; ma è anche una nota musicale.

Vediamo ora nel dettaglio i vari casi, iniziando dal più semplice, "Fa" senza apostrofo e senza accento.

Fa
Il "Fa" senza altri simboli si usa per il verbo "Fare" alla terza persona singolare: egli, ella, esso Fa.
Ecco alcuni esempi di frasi:
  • Il papà fa la pasta
  • La mamma fa tardi al lavoro
  • Mio fratello fa i capricci
  • Il gatto fa le fusa
Abbastanza facile da ricordare: tutte le volte che il nostro "Fa" si riferisce alla terza persona singolare, non dobbiamo aggiungere nulla, né apostrofo, né accento.

Ma possiamo utilizzarlo anche per descrivere il trascorrere del tempo:
  • Tanto tempo fa..
  • Due anni fa...
  • Dieci minuti fa..
  • Un secolo fa..
Se riferito al passato, quindi, non si mette niente, né accento né apostrofo.

Passiamo al seconda caso, con l'apostrofo.

Fa'
Qui abbiamo un apostrofo alla fine. Lo si mette perché si tratta di un "troncamento", cioè di una parola tagliata, spezzata, divisa. Infatti Fa' significa "Fai" e si usa come imperativo, per dare un ordine. Qualche esempio farà capire meglio:
  • Fa' i compiti! (Fai i compiti!)
  • Fa' il bravo! (Fai il bravo)
  • Fa' attenzione al semaforo!
  • Fa' meno rumore!
Anche qui abbastanza semplice, mettiamo l'apostrofo quando vogliamo troncare il "Fai". Invece di scrivere Fai scriviamo Fa'. Se ci pensate bene non potete confondervi con quello di prima, perché una frase come "Il papà fai la pasta" non ha senso. Se con "Fai" la frase ha senso, allora possiamo mettere Fa con l'apostrofo.

Infine, ultima variante, quella con l'accento.

In realtà questa forma non esiste nella nostra grammatica; è un errore!
L'unico modo in cui si può usare è alla fine di una parola, come ad esempio: Rifà, Liquefà, Putrefà.

Attenzione, la nota musicale si scrive "Fa", senza apostrofo e senza accento. Non si è pensato a renderla diversa dal primo caso visto sopra (Fa) perché non c'è il rischio di confondere il verbo Fare con la nota musicale.

Bene, capito tutto? Prova con un altro dilemma: Si scrive da o dà? Accento, apostrofo o niente?
Questa la sai, vero? 😉