Inglese, differenza tra futuro: Be going to o Will (frasi, esempi)

Oggi vi segnalo sei frasi d'esempio, in lingua inglese, che si riferiscono a due tipi di futuro: "Be going to" e "will".

Giusto tre esempi per tipologia, che potrebbero essere utili per capire meglio la differenza, costituiti da una domanda e da una risposta.

Iniziamo con il futuro "Be going to"
Si utilizza per esprimere un'intenzione (viene infatti detto futuro intenzionale), un'azione che si intende fare o che sta per accadere.
  1. Who's going to write the relation?
    I'm going to write it
  2. What are you going to do if you are tired tomorrow?
    I'm going to stay in bed till late
  3. What are you going to do when you finish school?
    I'm going to go to University
E ora tocca al futuro "Will"
A differenza del "be going to", il futuro "will" viene utilizzato per descrivere azioni future, fatti, avvenimenti inevitabili, che non dipendono dalla nostra volontà. Si usa anche per fare previsioni.
  1. What will happen in the future?
    We will drive electric cars
  2. When will you finish school?
    I'll finish in 1999
  3. How will you come?
    I think I'll take the train
Il primo caso, in pratica, indica un qualcosa che avverrà quasi sicuramente ("be going to").
Il secondo, invece, si riferisce ad un qualcosa di ipotetico, che potrebbe avvenire ("will").

Potrebbe essere utile, per capire la differenza tra "be going to" e "will" un ulteriore esempio, riferito allo stesso argomento. Eccolo.

Be going to
Mario: There's no food here. (Non c'è cibo qui)
Luca: I know, i know. I'm going to go and get some later. (Lo so, lo so. Andrò a prenderlo più tardi)
La decisione era stata presa prima, c'era già un'intenzione.

Will
Mario: There's no food here. (Non c'è cibo qui)
Luca: Really? Well, I'll go and get some. (Davvero? Bene, lo comprerò)
La decisione viene presa mentre si parla, senza averci pensato prima.

Per ricordarsi bene la differenza si devono fare un po' di esercizi, anche provando ad inventare delle frasi.