Pubblicato il 31/01/24e aggiornato il

Poesia L'Infinito di Leopardi. Spiegazione e traduzione

Nel 1819, Giacomo Leopardi, all'età di 21 anni, cadde in uno stato di sconforto. Una malattia agli occhi non gli permetteva di leggere e questo fatto lo rattristò a tal punto da isolarsi e tentare la fuga dalla casa paterna. Venne scoperto e lo stato emotivo peggiorò, portandolo alla depressione.

Risale a questo periodo la scrittura del componimento, probabilmente in conseguenza del suo umore malinconico.

Sommario

Spiegazione della poesia L'Infinito


Leopardi si trova nella zona di Recanati, su una collinetta a cui è affezionato ("sempre caro"), ma una siepe non gli permette di vedere l'orizzonte. Tuttavia è proprio questo ostacolo a stimolare in lui l'immaginazione che va oltre la realtà, verso l'immensità, verso un infinito interiore, non visibile a occhio nudo, uno spazio senza fine. Un insieme di sensazioni che portano allo smarrimento dell'animo, ad un senso di turbamento.

Il rumore improvviso del vento che scuote le foglie sugli alberi "risveglia" il poeta, portandolo nuovamente alla realtà.

Ma ecco che quello stesso vento allontana di nuovo il Leopardi dalle cose reali, trascinandolo questa volta in pensieri rivolti all'infinito temporale, non più spaziale. E in questa eternità si abbandona dolcemente, annullando tutti i propri pensieri.

Testo della poesia L'Infinito, di Leopardi


Sempre caro mi fu quest'ermo* colle,
E questa siepe, che da tanta parte
De l'ultimo orizzonte il guardo esclude.*
Ma sedendo e mirando*, interminati*
Spazi di là da quella, e sovrumani*
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo*, ove* per poco
Il cor non si spaura*. E come* il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando*: e mi sovvien* l'eterno,
E le morte stagioni*, e la presente
E viva, e 'l suon di lei*. Così tra questa
Immensità* s'annega il pensier mio:*
E 'l naufragar m'è dolce in questo mare.*

Traduzione de L'Infinito


*ermo: solitario
*E questa siepe... esclude: una siepe ostacola la visione di un grande tratto dell'orizzonte lontano
*mirando: rimanendo fermo a guardare
* interminati: illimitati, senza confine
*sovrumani: che vanno al di là della comprensione umana
*nel pensier mi fingo: mi raffiguro nella mente, mi immagino
*ove: in cui (facendo riferimento agli elementi immaginati, gli spazi, i silenzi..)
*si spaura: si turba, si perde, si smarrisce.
*E come: E non appena
*Vo comparando: paragono (il fruscio del vento agli spazi e ai silenzi infiniti)
*e mi sovvien: e mi vengono in mente
*morte stagioni: passato
*suon di lei: il presente che si fa sentire, si manifesta
*immensità: il tempo infinito e gli spazi infiniti
*s'annega il pensier mio: si perde, si annulla (di fronte a tale immensità)
*E 'l naufragar....mare: il naufragio (solitamente terribile) appare dolce in questo mare, in questo infinito, nel contesto immaginato dal poeta.

Metro: endecasillabi sciolti.

Poesia scritta tra il 1818 ed il 1821 (probabilmente nel 1819), durante un soggiorno a Recanati, Marche.

La vita di Giacomo Leopardi (riassunto)


Ritratto di Leopardi, realizzato da Stanislao Ferrazzi

Nato a Recanati il 29 giugno 1798 e morto a Napoli il 14 giugno 1837.

Cresce in un ambiente austero, con un'educazione rigida. Si rifugia nei libri della biblioteca paterna, dove trascorre la maggior parte del tempo durante l'infanzia e l'adolescenza.

La sua crisi esistenziale nasce dal contesto famigliare opprimente e dalla noiosa vita di paese. Una crisi profonda che raggiunge il suo apice proprio nel 1819, quando una malattia lo colpisce agli occhi, l'unico strumento che riusciva a farlo "evadere" dalla realtà, attraverso la lettura.

Solo nel 1822 ebbe il permesso dal padre di allontanarsi da casa. Si sposterà in diverse città, da Roma a Milano, poi Bologna, Firenze e Pisa. Sono questi gli anni in cui si immerge nella scrittura delle poesie che tutti noi oggi ricordiamo.

Nel 1836 decide di stabilirsi dalla parti di Napoli, con il suo amico Antonio Ranieri. Morirà l'anno seguente a soli 38 anni, due settimane prima del suo compleanno.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi un commento qui sotto