Storia, l'Inghilterra nel medioevo. Nascita della monarchia

In questo nostro percorso storico alla scoperta delle grandi nazioni d'Europa, delle loro origini, dopo aver visto la Francia (a fine pagina trovi i collegamenti alla pagina relativa), ci occupiamo dell'Inghilterra.

Anche qui partiamo da un periodo lontano, il medioevo, quasi mille anni fa.

Possiamo suddividere la storia inglese dei primi tempi, dal 1066 al 1461, in tre periodi:
  • I Re normanni (1066-1154)
  • Gli Angioini-Plantageneti (1154-1399)
  • I Lancaster (1399-1461)
Poi sarà la volta della dinastia York (eredi dei Plantageneti) fino al 1485 e in seguito dei Tudor (eredi dei Lancaster).

Inghilterra nel medioevo, i re normanni
Tra i sovrani normanni (perché arrivavano dalla Normandia, in Francia) che maggiormente caratterizzano questa fase menzioniamo: 
  • Guglielmo I il Conquistatore, dal 1066 al 1087
    Dalla Francia sbarcò in Inghilterra, dove fu protagonista della battaglia (vinta) di Hastings, nel 1066, che determinò la sua ascesa. Governò i territori instaurando un sistema feudale.
  • Stefano di Blois, dal 1135 al 1154
    Discendente di Guglielmo I, dovette far fronte a numerose guerre civili. La cugina Matilde (o Matilda), moglie di Goffredo d'Angiò, era contraria alla sua incoronazione. Alla fine Stefano, ormai vecchio e stanco, si dovette arrendere agli Angioini, cedendo il trono al figlio di Matilde e Goffredo, Enrico II.
Inghilterra nel medioevo, gli Angioini-Plantageneti
Ecco i sovrani inglesi, degni di nota, protagonisti del secondo periodo:
  • Enrico II, dal 1154 al 1189
    Come scritto prima, Enrico II, figlio di Matilda e Goffredo d'Angiò, prese il posto di Stefano di Blois sul trono d'Inghilterra. Conte d'Angiò, faceva parte della famiglia dei Plantageneti (il nome deriva dal nome di una pianta di Ginestra, simbolo del loro casato).
    Cercò di far decadere il sistema feudale dei Normanni, portando il paese verso l'unità, con una monarchia assoluta.
  • Riccardo Cuor di Leone, dal 1189 al 1199
    Figlio di Enrico II, partecipò alla terza crociata insieme al re francese, Filippo II Augusto, sconfiggendo Saladino. Tornato in Inghilterra, dichiarò guerra a Filippo II, colpevole di aver occupato alcuni suoi territori francesi. Per vincere contro il re francese, Riccardo I si alleò con Ottone IV, re di Germana. Riuscì così a recuperare le sue terre.
  • Giovanni Senza Terra, dal 1199 al 1216
    Fratello di Riccardo I, aveva già provato a prendere il posto del sovrano nel 1194, mentre il re Cuor di Leone era impegnato nella crociata per liberare Gerusalemme dai musulmani. Non ci riuscì e dovette arrendersi al fratello. Tuttavia, pochi anni dopo, grazie alla morte di Riccardo I (1199), salì al trono e divenne il nuovo re d'Inghilterra. Fu protagonista della sconfitta contro i francesi, guidati da re Filippo II, nella battaglia di Bouvines (1214). Un evento importante, che portò l'Inghilterra a perdere il possesso dei territori francesi e alla conseguente espansione del regno di Francia.
    Giovanni Senza Terra è anche ricordato per l'accettazione, in seguito ad una ribellione dei baroni, della Magna Charta Libertatum, una prima bozza che porterà poi alla Costituzione del Regno Unito.
  • Enrico III, dal 1216 al 1272
    Combatté contro la Francia senza successo, mentre in patria fu obbligato ad assecondare i desideri dei nobili con le Provvisioni di Oxford (1258), che di fatto limitavano il potere del re.
  • Edoardo I, dal 1272 al 1307
    Riformatore, costituì una nuova forma di Parlamento (Model Parliament, 1295), il cui compito era la gestione politica. Venne in seguito suddiviso in Camera Alta (dei Lords), che includeva nobiltà e clero, e in Camera Bassa (dei Comuni), con rappresentati della borghesia.
  • Edoardo III, dal 1327 al 1377
    Il re che iniziò la famosa Guerra dei Cento anni, tra Inghilterra e Francia, costringendo i francesi alla Pace di Bretigny (1360) e subendo poi l'armistizio di Bruges (1375). Nel primo caso ottenne diversi territori francesi, mentre nel secondo dovette restituirli.
  • Riccardo II, dal 1377 al 1399
    L'ultimo re della famiglia Angioini-Plantageneti, un vero tiranno che limitò notevolmente i poteri del Parlamento.
    Con questo suo modo di governare spianò la strada al cugino, Enrico di Lancaster, dando così inizio al terzo periodo, il regno dei Lancaster.
Inghilterra nel medioevo, i Lancaster
Di questa dinastia troviamo utile citare tre sovrani:
  • Enrico IV, dal 1399 al 1415
    Importante dal punto di vista economico: cercò di portare l'Inghilterra da un sistema basato sull'agricoltura ad uno incentrato su commercio e industria. I primi passi per la nascita di una nazione moderna. Nel 1406 decise di fondare, a tal proposito, la Società dei Mercanti Avventurieri
  • Enrico V, dal 1415 al 1422
    Protagonista dell'ultima parte della Guerra dei Cento anni, con la vittoria sui francesi (battaglia di Azincourt, 1415) e la Pace di Troyes nel 1420.
  • Enrico VI, dal 1422 al 1461
    Noto per la sua follia, portò l'Inghilterra alla sconfitta finale della guerra contro la Francia, restituendo tutti i territori francesi conquistati dai suoi predecessori. Fu anche la causa della guerra delle Due Rose (tra le dinastie Lancaster e York), come vedremo di seguito.
Dopo aver schematizzato e riassunto la storia dell'Inghilterra medioevale, fino al 1461, passiamo ad una nuova fase.

La guerra delle Due Rose
Perché le "Due Rose"? Cosa rappresentano?
Si tratta delle due famiglie più importanti, le due dinastie che si contendono il regno d'Inghilterra: la Casa di York (rosa bianca) e la Casa di Lancaster (rosa rossa).

La Casa di York pretendeva il trono per discendenza diretta dalla famiglia Plantageneti, regnante prima dei Lancaster, i cui componenti considerava usurpatori.

La guerra delle Due Rose, interna al paese, ha portato inevitabilmente alle sconfitte contro la Francia, durante la guerra dei Cento anni. Le due dinastie si sono scontrate per trent'anni, dal 1455 al 1485:
  • Dominio York
    Con Edoardo IV dal 1461 al 1483, con Edoardo V nel 1483 e Riccardo II dal 1483 al 1485. I tre sovrani eliminarono quasi tutti i Lancaster, tranne uno: Enrico Tudor, fuggito in Bretagna
  • Dominio Tudor (discendenti dei Lancaster)
    Enrico Tudor, nel 1485, vinse la battaglia di Bosworth contro Riccardo III. Sposando Elisabetta, erede della famiglia York, poté tranquillamente riunire le due casate, assicurandosi il trono
Dalla guerra delle Due Rose nasce la monarchia assoluta inglese. Infatti, i conflitti interni avevano praticamente fatto scomparire la classe nobiliare dei feudi, riducendone il potere politico in Parlamento. Fu quindi facile per Enrico VII Tudor instaurare la monarchia assoluta e guidare l'Inghilterra dal 1485 al 1509, assicurando dei privilegi alla borghesia. Contribuì alla trasformazione del paese, da agricolo a commerciale, industriale.
Riuscì a limitare al massimo il parlamento, riottenendo tutto il potere perso dei suoi predecessori, sancito in passato dalla Magna Charta.

La decisione forse più importante del re Enrico VII, che determinò il successo inglese nel resto del mondo nei secoli successivi, è stata quella di rafforzare la flotta marittima (che si rivelerà un'imbattibile forza militare e commerciale).

Precedente capitolo
Il prossimo argomento riguarderà un'altra grande nazione, la Spagna.